Mediazione penale

Tutti commettono errori. È per questo che c’è una gomma per ogni matita.
(Proverbio giapponese)

 

Eppure errare, specie per quanto riguarda i reati, può sembrare qualcosa da cui non si può più tornare indietro.
In una direzione diversa cerca di andare la mediazione penale che si basa sul principio della giustizia riparativa, detta anche restorativa.
Un tipo di giustizia che interviene sui conflitti originati da un reato o che si sono espressi attraverso un reato, usando spazi, tempi e strumenti che consentono alle parti, con l’aiuto di una terza persona, quanto è successo e di farlo insieme.

La mediazione penale può essere di notevole supporto sia nel caso in cui le persone coinvolte siano minorenni che adulte. Ecco come posso aiutarti.

Cos'è la mediazione penale

Al pari degli altri tipi di mediazione, ossia la civile e quella familiare, anche la mediazione penale consiste in un incontro tra le parti, in questo caso della persona autrice del reato (il cosiddetto reo) e della persona offesa.
Tale incontro avviene sempre davanti a una terza persona, il mediatore, che deve essere non solo qualificata ma soprattutto imparziale.

La mediazione penale ha una finalità più collettiva: ottenere infatti una pacificazione in questi casi vuol dire giovare all’intera società perché si lavora sulla responsabilizzazione del reo e sul riconoscimento della vittima in quanto persona.

Spesso chi subisce un reato è soggetto a una vittimizzazione secondaria, fenomeno che avviene quando ci si sente delegittimati o non creduti dalle istituzioni rispetto a quello che è successo e allo stesso tempo, tra familiari e amici, non si trova quel sostegno e conforto di cui si avrebbe bisogno.

Grazie alla mediazione penale, invece, la vittima si sente in primo luogo ascoltata.

E non solo: il reato in questo modo non viene più considerato come un’offesa contro tutta la collettività ma viene ritenuto la parte emergente e giuridicamente rilevante di una relazione sociale ma anche di una realtà deteriorata.

Responsabilizzare chi ha commesso un reato e proporre una mediazione vuol dire far compiere un passo in avanti al colpevole. E questo è ancora più importante nel caso in cui i protagonisti siano i minori.

Nei casi di bullismo o cyberbullismo intervenire in tempo, grazie alla mediazione, significa lavorare anche per evitare che in futuro si riverifichino situazioni del genere.
Vale ovviamente anche per gli adulti. Il nuovo istituto di messa alla prova in fase di indagini preliminari, consente di attuare dei meccanismi che possano consentire, in alcuni casi, di evitare il carcere.

Ma accettare un percorso di mediazione penale (con consenso del reo e dell’offeso, ritraibile in qualunque momento) non vuol dire in automatico che il reo abbia uno sconto o una riduzione della pena o che la eviti del tutto.

Responsabilizzare il reo e riconoscimento della persona che è vittima: questo l’obiettivo della mediazione penale.

I vantaggi della mediazione penale

Anche se rispetto alle indicazioni europee, l’Italia è ancora agli inizi per la mediazione penale, i vantaggi sono diversi:

  • la vittima esce dal ruolo di vittima e viene ascoltata come persona specifica
  • si evita il fenomeno di vittimizzazione secondaria
  • si dà voce alla sofferenza della parte offesa
  • per il reo c’è la possibilità di evitare la recidiva
  • si mettono in relazione reo, vittima ma anche la stessa comunità
  • si interviene sui conflitti grazie a un approccio da un lato umanistico in cui le emozioni, il dolore, i sentimenti possono non solo essere detti ma anche ascoltati e dall’altro trasformativo. Anziché antagoniste in una relazione, le parti diventano persone che si assumono una responsabilità
  • la mediazione tiene conto delle dimensioni e delle
    potenzialità relazionali, emotive e umane.

Lavori in un ente statale o locale (Comune) e vuoi saperne di più? Sei un avvocato penalista interessato al modello di giustizia riparativa?

Ultimi Articoli sulla mediazione penale

Golding ed il Conflitto. Uno spunto dalla letteratura.

Nel celebre romanzo “Il Signore delle Mosche” vengono toccati molti temi interessanti: paura e aggressività, spinte motivazionali e scale valoriali, conflitto per il potere, riconoscimento, verità relative…. solo per citarne alcuni. Scopriamoli insieme. Ne suggerite altri, all’interno del racconto, su cui confrontarsi? La letteratura ci offre spesso diversi spunti di riflessione.

Continua a leggere »

“Dipingere non è un’operazione estetica: è una forma di magia intesa a compiere un’opera di mediazione fra questo mondo estraneo ed ostile e noi.” Pablo Picasso

Visualizziamo i colori che hanno caratterizzato gli ultimi anni. Io ci ho provato e, per una volta, ho avuto l’impressione che questi colori ci accomunassero tutti. Ed allora perché non fermarci a discutere della parola Comunità? Magari provando a ridisegnarla anche per rimarcare i suoi confini talvolta sfumati. Parliamone con il semplice buon senso e quel poco di saggezza che talvolta ripeschiamo dal cilindro.

Continua a leggere »

Bullismo e cyberbullismo: la sospensione del giudizio e il dovere del dubbio.

Vogliamo azzardare l’ipotesi che ciò di cui soffrono i nostri ragazzi siano la mancanza di risorse, non tanto economiche, quanto più personali che investiamo verso di loro (tempo, energie, valori, curiosità, stimoli, cure, determinazione nell’esigere che le regole vengano rispettate -chiediamoci anche se diamo il buon esempio perché è questo che poi seguono i figli-…. fiducia e speranza)? Guardiamoci attorno: da quale fonte attingiamo acqua per irrorare le nostre piante? Forse solo quella più vicina perché sentiamo di avere poche forze per spingerci un po’ più in là….

Continua a leggere »

Contattami

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. 








© Copyright dianatramma.com ꞁ Codice Fiscale TRMDNI82D57I690H ꞁ Privacy PolicyCookies Policy 
Realizzazione sito web Luisa Fassino